Secondo alcuni sondaggi l’88% dei “consumatori” è preoccupato dal proprio peso e il 35% pensa di ricorrere al body sculpting.

Cos’è il body sculpting?

Anche definito come “body shaping” o “body contouring” è quell’insieme di tecniche volte a modellare la figura del paziente al fine di ridurne accumuli adiposi, migliorare il tono muscolare, trattare patologie cutanee distrettuali come la PEFS (Panniculopatia-Edemato-Fibro-Sclerotica, anche detta “cellulite”).

La criolipolisi a cosa serve?

La criolipolisi è tra i macchinari utilizzati a questo scopo, utilizza il freddo per distruggere selettivamente gli adipociti, le cellule del grasso. L’FDA (l’agenzia del farmaco americana) ha “dato il via libera” all’utilizzo di questa tecnologia ormai 11 anni fa.

Il tessuto adiposo viene portato ad una temperatura di -8/-10 gradi. Il trattamento è reputato sicuro ed efficace con un recupero post-trattamento breve. I risultati, solitamente, si vedono a distanza di almeno quattro mesi.

Il caso di Linda Evangelista

L’ex modella canadese ha spiegato che dopo aver ricevuto un trattamento di “CoolSculpting” (criolipolisi). L’intervento è avvenuto cinque anni fa, e due successive, e dolorose, operazioni correttive non hanno ottenuto i risultati sperati.

È pericolosa per la vita?

La PAH in sè no, non lo è. È una complicanza “benigna”.

Linda Evangelista Criolipolisi

Cos’è l’iperplasia adiposa paradossa?

La PAH (paradoxical adipose hyperplasia) o iperplasia adiposa paradossa è un effetto collaterale non frequente del trattamento con criolipolisi (ma non esclusivo di questa tecnica). È conosciuta dal 2014, quando è stato descritto il primo caso. 

Sostanzialmente, viene a crearsi una massa ben delimitata, non dolorosa, nell’area di trattamento nei successivi 3-9 mesi.

Da cosa è causata?

Non è ancora certo, una delle ipotesi è che gli adipociti danneggiati dal freddo, ma che non si rompono resistendovi, possano dare inizio ad una cascata di fenomeni dovuti all’ipossia che portano ad una fibrosi reattiva. Un’altra ipotesi è che sia proprio la trazione dovuta alla pressione negativa sviluppata dai manipoli a causare la crescita del tessuto. Sono ancora solamente ipotesi che necessitano di ulteriori indagini. (Per chi volesse approfondire, qui trovate un articolo molto interessante anche con note di fisiopatologia)

Quanto è frequente?

Recenti studi hanno individuato un’incidenza tra lo 0,05% e lo 0,39% di PAH dopo criolipolisi.

Ci possono essere altri effetti collaterali?

Sì. Irregolarità nel profilo (0,14%), reazioni vasovagali (0,07%), ansia post-trattamento (0,07%), prurito (0,07%).

La PAH si può risolvere?

Purtroppo, la risoluzione di questo effetto indesiderato è invasivo. Questo è piuttosto spiacevole soprattutto per un paziente che ha scelto la criolipolisi proprio per la non-invasività del metodo.

Il trattamento può essere la liposuzione (che dà solitamente buoni risultati) o l’escissione della massa.

Non è consigliato re-intervenire con altri cicli di criolipolisi.

Non sono stati studiati altri trattamenti invettivi per dissolvere la PAH.

È più frequente negli uomini?

Effettivamente, alcuni studi hanno dimostrato una maggiore frequenza nel sesso maschile.

Se faccio più sedute rischio di più?

No, per quanto noto attualmente. Sembra esserci una predisposizione individuale allo sviluppo della PAH.

Conclusioni

  • La PAH sembra essere legata a predisposizione individuale e all’uso di modelli più vecchi di criolipolisi.
  • È una complicanza rara.
  • Può essere trattata con la liposuzione.

Il caso sfortunato della top model sicuramente farà discutere. Una cosa è certa: il paziente ha sempre il diritto di essere informato di tutti gli effetti collaterali possibili.

La Medicina Estetica, come tutte le branche della medicina, non è esente dagli effetti collaterali e questi vanno discussi con il paziente.

Vedi anche: complicanze filler.

Synolon Medicina Estetica S.r.l.
IG: synolonmedicinaestetica
segreteria@synolon.it
Tel: +39 371 38 06 726

Dir. San. Dott. Lorenzo Spadotto
O.M. di Venezia n. 7112
IG: drlorenzospadotto

DrLorenzoSpadotto

DrLorenzoSpadotto

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Padova, durante questi anni approfondisce la branca chirurgica. Approfondisce poi la Medina Estetica con un Master presso l'Università degli Studi di Parma, la Scuola Superiore Post-Universitaria in Medicina Estetica “Agorà” di Milano e la Società Italiana di Mesoterapia.

it_IT
Call Now Button