Di cos’è fatto un filler?

Esistono diversi tipologie di filler, ossia medical device iniettabili, composti da varie tipologie di materiale.

Il filler a base di acido ialuronico…

…mima il più abbondante glicosaminoglicano presente nel corpo umano, il 50% dell’acido ialuronico si trova nel derma.

E viene utilizzato per sostituire l’acido ialuronico danneggiato o degradato presente nella cute della persona, infatti con i danni dovuti a photo e crono aging si impoveriscono le riserve di acido ialuronico.

È un materiale biocompatibile, non-teratogeno, sterile, inerte, sicuro, stabile.

Reversibile.

Cosa significa reversibile?

Significa che viene completamente riassorbito e che può, eventualmente, essere sciolto con la ialuronidasi.

Cosa riduce la durata dell’acido ialuronico?

È abbastanza semplice, basta pensare a cosa riduce l’acido ialuronico nativo, quello che abbiamo nel nostro corpo: cambiamenti ormonali, il danno dovuto all’eccesso di esposizione al sole, fumo, cattive abitudini alimentari o comportamentali.

Ci sono altri fattori che possono diminuire la durata del filler?

Certo! Ad esempio, tanto più è mobile l’area di infiltrazione (es. bocca) tanto più diminuisce la longevità del filler.

Più acido ialuronico è presente nel filler (concentrazione) e più durerà.

Un filler cross-linkato dura di più, molto di più rispetto a un filler non cross-linkato.

trattamenti statistiche medicina estetica

Cosa vuol dire cross-linked?

Significa che le molecole di acido ialuronico vengono unite da “ponti” chimici che stabilizzano e aumentano la durata del filler. Più aumenta il cross-linking e più diminuisce la capacità igroscopica (di richiamare acqua) del filler.

Il BDDE è il materiale più comunemente utilizzato per il cross-linking.

Cosa succede dopo l’iniezione?

Per quanto poco, un minimo di reazione infiammatoria è presente. La reazione infiammatoria dura 4-5 giorni massimo, molto spesso meno di 48 ore.

Cosa devo fare prima di un filler?

Se non lo fa il medico, è importante avere una foto del prima. Molto spesso accade che a distanza di tempo, la percezione di come siamo diventati venga meno. Quindi ci sembra di non essere cambiati per nulla e questo può portarci a commettere degli errori, chiedendo nuovi interventi.

La medicina estetica è un aiuto a contrastare l’invecchiamento dei tessuti, ma non potrà mai fermarlo completamente!

Il filler può spostarsi?

Effettivamente, il filler può farlo. D’altra parte, il filler a base di acido ialuronico è una struttura “mobile” non certo ancorata. Alcuni filler hanno una capacità di integrazione con il tessuto superiore o per reologia tendono ad essere più compatti. I filler labbra, ad esempio, si trovano in una zona altamente mobile, quindi è possibile che si possa spostare.

E se si sposta?

L’importante è riconoscere l’eventualità, poi esistono presidi come la ialuronidasi che ci permette di agire sciogliendo il filler.

Farà male?

Nella maggior parte dei casi è totalmente indolore. Potrà esserci una lieve sensazione di indolenzimento post-trattamento in alcune aree, ma tutto transitorio.

Esistono effetti collaterali per il trattamento filler?

Certo, esistono! Anche per questo motivo bisogna affidarsi a personale medico opportunamente formato, che potrà darvi tutte le informazioni durante il colloquio.

Synolon Medicina Estetica S.r.l.
IG: synolonmedicinaestetica
segreteria@synolon.it
Tel: +39 371 38 06 726

Dir. San. Dott. Lorenzo Spadotto
O.M. di Venezia n. 7112
IG: drlorenzospadotto

en_GB
Call Now Button